10/12/2018

Cieli stellati

di Matteo Dalpas

Il cielo stellato ha sempre affascinato l'uomo sin dall'antichità e ancora oggi con lo sguardo cerchiamo di riconoscere i personaggi, protagonisti di tanti miti. Le costellazioni giunte sino a noi sono 88 (definite con precisione nel 1930 dall'Unione Astronomica Internazionale), fra queste le più famose sono l'Orsa Maggiore, l'Orsa Minore e quelle che han dato origine ai cosiddetti segni zodiacali. 

Dal punto di vista dell'astronomia moderna la costellazione è un settore di cielo che delimita una porzione di volta celeste. I raggruppamenti così formati sono prospettici: due stelle appartenenti alla medesima costellazione possono essere lontanissime tra di loro in anni luce. Nel corso dei secoli alcune costellazioni sono state accorpate ad altre o sono state divise in più piccole.

La Nave Argo, per esempio, è una costellazione estinta del cielo meridionale che raffigurava la nave Argo, usata dagli Argonauti guidati da Giasone per navigare nelle terre ostili della Colchide alla ricerca del vello d'oro. 

È l'unica delle 48 costellazioni elencate da Tolomeo che non è più ufficialmente riconosciuta come tale. Oggi è infatti considerata una costellazione estinta essendo stata divisa dall'astronomo francese Nicolas-Louis de Lacaille in Carena, Poppa, Vele e Bussola. Se fosse ancora un'unica costellazione, sarebbe di gran lunga la più estesa di tutte (ora invece il primato spetta all'Idra - Hydra nel nostro Memory & Alfabeto). 

Nella costellazione della Carena è visibile la stella Canopo, una supergigante gialla distante dal Sole 312,7 anni luce ed è la seconda stella più luminosa dopo Sirio (8,6 anni luce) nel cielo notturno visibile dalla Terra.

Lo Zodiaco è una fascia della volta celeste formata dalle cosiddette costellazioni zodiacali, la sua importanza deriva dal fatto che durante l'anno queste sono attraversate dalla nostra stella, il Sole, dal satellite Luna e dagli altri pianeti del Sistema Solare. Sono visibili da qualsiasi punto della Terra. Non vanno confuse coi segni zodiacali tanto cari all'astrologia con cui condividono solo il nome. L'Ofiuco (o Serpentario) pur appartenendo a questa fascia non viene comunemente annoverato tra le costellazioni dello Zodiaco. 

Il Quadrato di Pegaso è una porzione dell'omonima costellazione detta asterismo. Con questo termine si intende una particolare configurazione di stelle che per la loro luminosità o vicinanza balzano subito all'occhio. Famosi sono quelli del Grande Carro (le 7 stelle più brillanti dell'Orsa Maggiore), del Triangolo Estivo (formato dalle stelle Vega, Altair, Deneb appartenenti rispettivamente alla costellazione della Lira, dell'Aquila e del Cigno). Un asterismo quindi può comprendere stelle di più costellazioni od essere -come nel caso del Quadrato di Pegaso- parte integrante di essa.

Iscriviti alla nostra newsletter